Una famiglia di osti

Il Rifugio Crucolo è la più antica Osteria Trentina gestita dalla stessa famiglia. La famiglia Purin si tramanda da otto generazioni il mestiere di oste mettendoci in tutto quello che fa, anima e passione.

La costruzione del Rifugio Crucolo risale al 1782, ad opera di un antenato della famiglia Purin. Come testimonia una recente ricerca storica condotta dalla famiglia Purin e il conseguente inserimento, da parte della Camera di Commercio di Trento nel registro delle imprese Storiche d’ Italia.

Agli inizi dell’del 1800 la Val Campelle si presentava come una distesa di prati e di boschi; segnati dal passaggio di pastori e malgari che lasciano la Valsugana per raggiungere con greggi e mandrie le malghe in alta quota; l’alpeggio è un momento vissuto intensamente dagli abitanti di queste montagne. In questo periodo dell’anno, si popola anche di boscaioli e carradaori che, con i loro carichi di legname, fanno spola tra la Val Campelle e la Valsugana. Il Rifugio Crucolo, che si trova a metà strada diventa così luogo di sosta ed incontro, per ristorarsi e per un momento di svago; sotto la ampia tettoia si chiacchiera si beve un bicchiere in compagnia, fra una partita di carte e bocce. Durante il periodo estivo al Rifugio Crucolo si raccoglieva il latte dei masi circostanti e veniva preparato il burro ed il formaggio; al Crucolo si allevano anche i maiali utilizzati a sua volta per la produzione di salumi.

Nel grande focolare arde sempre la legna e le “calgere” piene di prelibatezze fanno respirare il profumo di casa; I proprietari del Crucolo persone semplici e cordiali, offrono all’ospite quello che c’è: la polenta, carne alla brace, salumi e il formaggio.

Durante la prima guerra mondiale il Rifugio Crucolo si trasforma in postazione militare, viene bruciato e quindi ricostruito. Pur ampliandosi negli anni mantiene la sua caratteristica di luogo di incontro e di svago dove trascorrere qualche ora in compagnia.